free no deposit binary options bonus PARTNER ISTITUZIONALI

iq option trader EVITA LA FILA! ACQUISTA ONLINE LA TUA DEGUSTAZIONE

Percorsi di degustazioni itineranti
Laboratorio Ais
Ais - Incontro tra i territori
Onav - Bollicine e sigari
Onav - Vini dolci e sigari
Slowine - Primitivo

I vincitori del terzo Premio Vino è Musica

 

binäre optionen I vini autoctoni pugliesi celebrano la chiusura del terzo Blind Tasting di Vino è Musica a Grottaglie premiando l’esperienza e la passione delle cantine di Puglia, dalla Daunia al Salento, ma anche consegnando all’albo d’oro della manifestazione i nomi di cantine blasonate insieme a new entry di tutto rispetto.

Segno come dice il giornalista ed enologo binary options Daniele Cernilli, presidente della giuria tecnica della selezione di quest’anno, che la Puglia “è capace di esprimere una qualità sempre diffusa in fatto di vini”. iq Option Visum 76 etichette al vaglio della doppia giuria (tecnica e popolare) di Vino è Musica, sesta edizione, che oggi durante la cerimonia di premiazione della selezione svoltasi nei giorni scorsi, hanno avuto l’onore di aprire la rassegna del vino pugliese per eccellenza.

Al Castello Episcopio di Grottaglie i riconoscimenti sono andati a 31 vini divisi per batterie di degustazione: Bianchi da vitigno autocno, rosati da vitigno autoctono, Nero di Troia e Primitivo. In alcuni casi i risultati sono stati scontati confermando la zona del foggiano e parte della provincia di Barletta-Andria-Trani, come le capitali del Nero di Troia: il vino rosso rubino amato da Diomede. Buoni piazzamenti anche per i rosati e i bianchi in cui la Puglia comincia ad emergere con grande successo di critica e mercato. Da Gioia del Colle al Salento, invece, il palmares per la categoria del vino Primitivo.

Per i bianchi nella sezione “vino a cena” (giuria popolare) si piazzano al terzo posto Tenuta Marini Salice Salentino DOC 2014 (Candido) e Fievo, Fiano Salento 2014 (Tenuta Zicari), al secondo posto Minù, Salento IGP 2014 (Botrugno), e al primo posto ex aequo Falera, Valle d’Itria IGP Fiano 2014 (CardoneVini) e Polvanera Minutolo, IGT Puglia Fiano Minutolo 2014 (Polvanera). Per la sezione “Banco tecnico” (giuria tecnica), al terzo posto Cala Luna, Fiano Puglia IGP 2014 (Paolo Leo), al secondo Polvanera Minutolo, IGT Puglia Fiano Minutolo 2014 (Polvanera), e al primo posto ex aequo Estella fiano Salento IGP 2014 (Cantine San Marzano) e 10 Grana, Fiano Salento IGP 2014 (Masseria Trullo di Pezza).

Per gli emergenti Rosati nella sezione “vino a cena” vincono Tre Tomoli Rosa, Puglia IGT Rosato 2015 (Vigna Flora) e Polvanera Rosato, Puglia IGT Rosato 2014 (Polvanera) con un ex aequo terzo posto. Al podio intermedio si piazza Salete, Salento IGP 2014 (Tenuta Levrano D’Aquino) e al primo Torretesta Rosè, Salento IGT 2014 (Tenute Rubino). Per la sezione “Banco tecnico”, Drumon Rosè, Gioia del Colle DOC 2014 (Cannito Francesco) al terzo posto, Speziale, Rosato Salento IGP 2014 (Masseria Trullo di Pezza) e Masserei, Nardò DOC Rosato 2014 (Schola Sarmenti) al secondo e Metiusco, Salento IGP Rosato 2014 (Vinicola Palamà) e 18 Fanali, Salento Rosato IGP 2013 (Apollonio) al primo posto.

Il Nero di Troia fa incetta di premi tra Cerignola e la BAT. Per la sezione “vino a cena” vincono infatti Nero di Troia, nero di Troia Puglia IGT 2011 (Antica Enotria) al terzo posto, Violante, Nero di Troia Castel del Monte DCP, 2012 (Rivera) al secondo e Parco Marano, Nero di Troia Castel del Monte DOC 2012 (Giancarlo Ceci). Meritevoli di riconoscimento per la giuria tecnica invece le UVE di Troia, Puglia IGP Uve di Troia Rosso, 2012 (Le vigne di Sammarco) al terzo posto, Vandalo Nero di Troia Castel del Monte DOC 2008 (Tenute Cocevola) al secondo e Violante, Nero di Troia Castel del Monte DOC 2012 (Rivera) al podio più alto.

Ultima batteria di premi dedicata infine al Primitivo. Per la giuria popolare nella sezione “Vino a Cena” vincono Cubardi, Salento IGP Primitico 2012 (Schola Sarmenti) al terzo posto, al secondo JE’MA, Salento Rosso IGP 2012 (Masseria L’Astore) e Riserva, Primitivo Gioia del Colle DOC, 2012 (Cantine tre Pini). Primo posto invece per Fiore di Vigna, Primitivo Salento IGT 2013 (Paolo Leo). La giuria tecnica consegna il primo, secondo e terzo posto della batteria Primitivo, rispettivamente a Polvanera 17, Primitivo Gioia del Colle DOC 2010 (Polvanera), a Licurti, Primitivo di Manduria DOP 2013 (Masseria Trullo di Pezza) e Oltre Primitivo Puglia IGP 2013 (Teanum).

Alla cerimonia di premiazione e all’inaugurazione della sesta edizione della Rassegna Vino è Musica erano presenti Enza De Carolis dell’Associazione Intersezioni, organizzatrice dell’evento, il critico eno-gastronomico Daniele Cernilli (doctorwine.it) e Rosa Fiore, dirigente del servizio alimentazione dell’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, ente sostenitore della rassegna grottagliese.

La cerimonia di apertura è stata affidata a due cerimonieri d’eccezione l’attore e regista Alfredo Traversa con la sua “Ode al Vino” e al maestro ceramista Mimmo Vestita che ha eseguito il rito scaramantico del suono e della rottura delle Trombe di San Pietro e Paolo.

Nel quartiere delle ceramiche dopo l’apertura ufficiale della rassegna hanno preso vita le 24 postazioni di degustazione vini, le 7 dedicate allo street food pugliese, le 16 postazioni musicali e i 5 laboratori di eccellenza guidati da AIS, ONAV, Slow Food e Slow Wine, gli esperti di vino biologico e naturale e quello tra vino e musica appunti di Don Pasta. Si replica domani a partire dalle 19.30 e fino a notte con il concerto spettacolo della formazione al completo degli OPA CUPA (start ore 22.30 – Largo dell’accoglienza Quartiere delle Ceramiche).

Tutto il programma dettagliato su www.vinoemusica.it

Partner

Supporter

Vai all'inizio della pagina